ALIMENTI FERMENTATI

Gli alimenti fermentati sono una preparazione tradizionale presente in ogni civiltà..ma nel tempo è stata messa da parte o snaturata in funzione di un’alimentazione prettamente industriale..

Era l’alternativa alla carne (una volta non si mangiava tanta carne come ora) per quel che riguarda i minerali e le vitamine..tra cui la famigerata Vit.B12 che tanto preoccupa i vegetariani..e soprattutto i vegani..

Per prima cosa vorrei parlarti di verdure fermentate (insalatini) e germogli..che sono le cose più facili da produrre in casa..ed estremamente salutari..

(sempre senza virgole! 😀 )

Premetto..tutti gli alimenti di cui ti parlerò sono soprattutto..buoni!

..io cominciai a mangiarli più per piacere che per i benefici che producono..ma ecco una verità che in genere viene dimenticata..gli alimenti salutari sono quelli più buoni!

..purtroppo però se il tuo palato è ormai assuefatto ai gusti industriali o comunque “moderni” potresti non apprezzarli subito..

Piccola parentesi sul gusto..

..la capacità che abbiamo di sentire il gusto..(che è molto sofisticata!)..il nostro organismo non l’ha acquisita per giudicare il gusto di un cibo rispetto ad un altro..ma per riconoscere sensorialmente ciò che è necessario al nostro corpo..

..il cervello (la sua parte intuitiva) sa quali sostanze ti servono in un certo momento per superare una particolare condizione (ambientale..fisica..comportamentale..)..

..e il cervello non indica tali sostanze scomponendone la chimica..ma già sotto forma degli alimenti che le contengono! (che però deve poter riconoscere nel..“data base”..)

..e la lingua le riconosce dal gusto..

Se ci fai caso..quando per esempio sei in vacanza certi alimenti li cerchi di più di quando sei a casa tua..probabilmente hai motivato questo con le caratteristiche della tua vacanza..ma fondamentalmente il tuo organismo in quell’ambito ti chiede altro..

Io ad un certo punto della mia esistenza sono andato ad abitare in un posto di mare..e qualcosa è cambiato!

..nel mio paese d’origine cercavo cibi amari e non apprezzavo quelli acidi..qui al contrario quelli amari non mi sconvolgono più ma quelli acidi mi piacciono..

Questo significa che qui il mio organismo si muove diversamente e richiede sostanze che ritiene più utili in questo ambiente e clima..come se un motore diesel ad un certo punto diventasse..a benzina!

Se il tuo organismo è in salute questo “fenomeno” è presente..se no le preferenze del cervello diventano squilibrate e gli alimenti che vai a preferire peggiorano la situazione invece di migliorarla..

..come un cieco che va a tentoni!

Con il termine “insalatini” si considera una preparazione particolare che..oltre a donare un buon gusto alla verdura..permette la formazione di Vit.B12 in notevole quantità e anche di fermenti lattici..perché si sta parlando proprio di fermentazione acido-lattica..

Gli insalatini sono una preparazione molto antica che certamente serviva a conservare la verdura (mica c’era il freezer!)..ma manteneva anche in buona salute i nostri ignari antenati.. (ma davvero ignari?..)

..e come si preparano?

Semplicissimo..potrebbe bastare una pentola di acciaio capiente..un piatto dal diametro un po’ più piccolo e una pietra o comunque un peso da sovrapporre al tutto..

..ma in commercio ci sono dei contenitori speciali che riducono di molto la fatica e lo spazio per l’elaborazione..come il..

Pressaverdure per fermentazione

..poi ti servirà un manuale che ti indichi come fare..ma vedrai che è più facile di quel che pensi..

Alimenti Fermentati per la Nostra Salute

..ma qualche indicazione te la do anche io..perchè alla fine produrre gli insalatini in casa è estremamente facile..

Scegli una verdura qualsiasi che sia possibile mangiare cruda..vanno bene quasi tutte..lascerei da parte pomodori e peperoni..non perché sia impossibile farli fermentare ma perché è un po’ più difficile..e anche le insalate delicate ed acquose..perché non resterebbe nulla!

Quindi vanno bene a seconda della stagione..ravanelli..zucchine..rape..melanzane..verza (crauti)..cavolfiori e broccoli..cetrioli..carote..queste sono le verdure che vengono meglio..ma con l’esperienza vedrai che..”esagererai”..

..semplicemente dovrai tagliare abbastanza finemente la verdura..riporla nel contenitore scelto (casalingo o tecnologico)..salare con sale grosso marino in modo da sentire qualche chicco tra le mani mentre mescoli il tutto (usa le mani!) e poi tieni premuta la mistura ottenuta (non serve molta pressione)

..entro mezza giornata la verdura pressata dovrebbe essere coperta del suo liquido di vegetazione..se non succede perché la verdura usata è poco acquosa aggiungi un po’ d’acqua bollita salata (prima falla raffreddare però!) fino a coprire..

..lascia tutto così per tre giorni (fino al massimo di una settimana..perché poi ammuffisce..se vedi anche prima tracce di muffa in superficie..scola subito!..se la muffa resta a galla del liquido solo per breve tempo puoi salvare comunque il tutto)

Gli insalatini puoi consumarli semplicemente aggiungendo..quando ce li hai nel piatto..un filo d’olio evo..e volendo qualche aroma a scelta..oppure puoi aggiungerli ad insalate miste..sono molto buoni ed estremamente salutari!

..li conservi in frigorifero per qualche giorno..

L’acqua di vegetazione se non c’è traccia di muffa (che ha solo cattivo gusto ma non è velenosa..lo sai che la penicillina non è altro che un tipo di muffa molto comune?) puoi conservarla in frigorifero per berla durante il giorno ed accrescere l’effetto vitaminizzante e mineralizzante (se è troppo salata aggiungi acqua..)

Se la cosa ti appassiona e vuoi “esagerare”..guarda questi vasi da fermentazione “professionali” K&K Keramik in ceramica..di tradizione tedesca in diverse misure..questo che ti propongo è da 5kg..

Vaso da fermentazione Originale K&K, da 5,0 Litri

..c’è anche un manuale distruzioni..ma non è in italiano..

..ma se guardi su questa pagina di Amazon ne troverai di tutti i tipi e misure..(i K&K Keramik sono i più affidabili..)

..ideale per i crauti ma anche per qualsiasi verdura tu voglia far fermentare (se vuoi puoi farci anche vino e birra!)..la caratteristica peculiare è che puoi fare fermentazioni lunghe senza problemi di muffa..(anche mesi!)

..vedi quell’incavo sul bordo?..si riempie d’acqua e vi si poggia sopra il coperchio..l’acqua permetterà al gas di fermentazione di uscire ma non all’aria di entrare (è questa che produce la muffa!)..basta fare attenzione che ci sia sempre acqua nell’incavo..

..diverse aziende tedesche li producono ma quella che ti propongo io è quella con il rapporto qualità/prezzo migliore..

Ti do anche un altro metodo di conservazione e proseguimento della fermentazione che puoi usare per piccole quantità..

..dopo la settimana di fermentazione (casalinga o con il pressaverdure in plastica) poni la verdura fermentata e strizzata in vasetti di vetro..pressando un pochino e ricoprendo con olio evo..gli insalatini continueranno a fermentare lentamente e senza muffa per il tempo che desideri..e potrai prelevarne la quantità desiderata..magari aggiungendo olio quando il rimanente affiora..(il tappo del contenitore non va stretto..)

..e poi ci sono i germogli!

Altra cosa facile..basta un vaso in vetro capiente (da 1-1.50 kg) e una vecchia calza di nylon da donna..

..si mette una manciata di semi (frumento..avena..alfa-alfa..erba medica..soia verde rossa gialla..fagioli cannellini borlotti neri ecc..senape..) nel vaso..si riempie d’acqua e si lascia una notte..poi si applica un pezzo di calza di nylon sull’apertura (fissandola con un elastico) e si capovolge su di un lavandino o scolapiatti..l’acqua in eccesso uscirà e i semi manterranno l’umidità necessaria per germogliare..

..una volta al giorno il vaso va riempito d’acqua per inumidire e lavare i germogli..e poi di nuovo rovesciato fino al giorno successivo (ma farlo anche due volte al giorno è meglio..)

..appena vedrai una radicina spuntare (un paio di giorni) potrai già mangiarli..ma se aspetti un altro paio di giorni avrai anche una fogliolina..serve una temperatura attorno ai 20°C..

..si possono consumare crudi o scottati..crudi mantengono più fermenti..

Se vuoi una produzione diversificata e più tecnologica..

Germogliatore Geo in Plastica

(..io uso questo..)

..e un libro..

I Germogli della Salute

..se navighi sulla pagina sia del libro che del germogliatore vedrai un’offerta per acquistarli insieme con lo sconto..

Ma se vuoi più scelta clicca qui..

Anche il formaggio e lo yogurt sono alimenti fermentati..ma sono utili solo se molto artigianali..sia l’uno che l’altro vengono pastorizzati quando sono prodotti industrialmente e quindi poveri di Vit.B12..

Lo yogurt è facile farlo in casa con la yogurtiera..questa che ti propongo è la più economica su Amazon..

Severin JG 3519 Yogurtiera con 7 o 14 Vasetti

..e si fa così..acquista un vasetto piccolo di yogurt di buona qualità..mettine un cucchiaino in ogni vasetto della yogurtiera..riempi di latte e accendi..(puoi usare il latte che vuoi..anche di soya..ovviamente in questo caso anche lo yogurt “starter” dovrà essere di soya..)

..dopo 12 ore avrai uno yogurt perfetto!..probabilmente lo troverai un po’ più acido di quello industriale..bene!..vuol dire che hai un bel po’ di fermenti vivi disponibili!..quello acquistabile in negozio..anche di qualità..è prodotto in modo da essere più dolce..però di “salute” dentro ce n’è ben poca! (vedrai comunque che sarà migliore man mano che lo rifarai..)

..per rifarlo usa lo yogurt di uno dei contenitori (mangiane solo sei!)..mettine come prima un cucchiaino in ogni contenitore (il resto mangialo!) e continua come sopra..

..e c’è anche il formaggio..

..sul formaggio..su di un Blog che tratta di SALUTE ci potrebbero essere critiche discordanti..

..infatti dire formaggio non basta..

..il formaggio si potrebbe dividere in molteplici categorie..da quello più salutare a quello meno..ma considera che il formaggio è sempre un concentrato di colesterolo e grassi saturi..quindi il formaggio salutare non esiste!

..ma volendo..quelli più freschi che non hanno tutto concentrato come quelli stagionati..oppure la ricotta..che non è classificata neppure come formaggio proprio perchè non ha grassi..o ne ha pochi..si possono consumare in piccola quantità..

Una vecchia legge obbligava a chiamare formaggio solo quei prodotti caseari che avessero almeno il 45% di grassi!..ora va bene anche solo il 20% ma classificandoli come grassi..semigrassi..magri (appunto questi ultimi tra il 20% e il 35% di grassi..)

Hai potuto notare che per quanto pochi grassi abbiano i formaggi..sono sempre troppi!..anche perché sono quasi tutti saturi..

Come ho detto anche nella sezione PURIFICARE IL CORPO (E LO SPIRITO)..nel formaggio..se artigianale..c’è molta Vit.B12..ma qui ti dico anche di non abusarne e magari di fartelo a casa (non è difficile!)..soprattutto la ricotta che è l’unico alimento caseario più o meno salutare..paragonabile allo yogurt..(ma per farla devi fare anche il formaggio..)

Su questo libro è spiegato bene come fare il formaggio facilmente in casa (e perfino come eventualmente venderlo!)

Formaggio Fatto in Casa

Se ti viene voglia di provare ti consiglio di usare come caglio quello vegetale invece di quello animale..tipico dei formaggi tradizionali..

..questo per esempio…….…….lo trovi su Amazon ed è un caglio vegetale molto efficace..(a base di cardo selvatico)..

..non voglio disturbare il tuo amore per il formaggio..ma è giusto tu sappia che per fare il formaggio viene usato in genere caglio animale..e anche se tu mangi carne forse non ti farà piacere sapere che questo tipo di caglio venga prelevato dallo stomaco dei vitellini o agnellini molto giovani (ovviamente uccidendo l’animale..)

Il latte a chi serve?

Quello che serve per fare il formaggio è poi solo un coagulante..potrebbe andar bene anche il limone..basta fare delle prove..qualsiasi cosa venga fuori comunque non sarà tossica e nemmeno così cattiva da essere immangiabile..(e nemmeno il latticello residuo si butta..è pieno di fermenti e Vit.B12!)

Nelle tradizioni del Nord Europa ci sono molti altri alimenti fermentati e anche nel resto del Mondo come il sidro..il miso..la salsa di soya..e un sacco di altre cose buone e salutari..

Il Mondo della Fermentazione

..e il Kefir lo conosci?

..è una cosa troppo buona e salutare!

Originario dell’Unione Sovietica..Kefir deriva dal turco keyif che significa “delizia“..

All’origine era a base di latte mentre ora si fa anche con l’acqua..

Per produrre il Kefir sono necessari i “granuli di kefir“……..

Non sto a spiegarti cosa sono chimicamente (sul web puoi trovarlo facilmente)..ma considera che se li userai li dovrai accudire come “animaletti di casa“..e curarne la vitalità di continuo..

Ma ti chiederai..”a che servono?”

Servono a produrre due tipi di bevande super salutari e super buone..una a base d’acqua ed una a base di latte..

A seconda del tipo di Kefir che vuoi produrre devi usare i “germini” adatti (ma io ho fatto il Kefir di latte con i “germini” d’acqua ed è venuto lo stesso..)

Il Kefir più comune (qui da noi..) è quello d’acqua..e in giro ci sono diversi metodi di preparazione..

..ora ti indicherò il mio metodo..

Se leggi qualche ricetta sul web..vedrai che i più usano acqua..un fico secco..zuccero raffinato..limone..e i “germini” (kefir d’acqua)..che è la ricetta russa..

..ma io ho riflettuto e ho dedotto che questa ricetta è stata adattata da un popolo che non poteva permettersi molto fino ad un po’ di tempo fa..quindi ritengo che usare zucchero bianco non sia la cosa più salutare..

La mia ricetta è questa..

Riempi un contenitore di vetro a bocca larga con un litro d’acqua..gli aggiungi un etto di fichi secchi (ma puoi usare la frutta secca dolce che vuoi..uva..abicocche..datteri..prugne..)..il succo di mezzo limone..e tre cucchiai di “germini”..lascia a temperatura ambiente per 48 ore (rimescolando dopo 24 ore)

..ma il tempo lo puoi scegliere tu assaggiandolo già dopo 24 ore..meno lo lasci fermentare e più sarà dolce..più lo lasci fermentare e più tenderà all’aceto..e lo puoi usare anche come tale!

..bene..a questo punto lo filtri in un colino fine..poi lo puoi bere come qualsiasi bevanda..

Avrai notato che ho escluso lo zucchero (di qualsiasi tipo) aumentando la dose di frutta secca dolce..per il resto è uguale a qualsiasi altra ricetta che puoi trovare in giro..

..io in genere ne faccio di più (basta aumentare gli ingredienti in proporzione..ma aggiungendo solo un cucchiaio in più di “germini” per ogli litro d’acqua ulteriore..)..poi lo imbottiglio in bottiglie con il tappo a macchinetta..dopo una settimana hai un “moscatello” buonissimo! (il tappo a macchinetta dovrebbe evitare lo scoppio della bottiglia..ma non aspettare troppo per berlo perchè continua a fermentare!)

I “germini” quando non li usi li puoi tenere in frigo ma sempre alimentati con un po’ di zucchero (quello bianco li fa moltiplicare di più..intanto a loro non fa male! 😀 )

..se li tratti bene si moltiplicheranno di continuo e ad un certo punto dovrai..regalarne una parte (dopo ti indicherò dove comprarli ma se hai vicino a te qualcuno che li usa..sarà felice di regalartene un po’..perchè ad un certo punto ci si affeziona così tanto che non si riesce a buttare via quelli in più!)

Ora ti consiglio un testo che ti farà “impazzire” nello scoprire quante bevande fermentate benefiche (probiotiche) ci sono al mondo..io ne ho provate alcune e ti garantisco che oltre a far bene sono proprio buone!

Kefir, Kombucha & Co.

..se non riesci a trovare i “germini” tra i tuoi conoscenti..te ne propongo due tipi..

..uno per il Kefir d’acqua....e uno per il Kefir di latte..e se guardi sulla pagina c’è l’offerta insieme al contenitore per produrlo (ma basta una brocca o un barattolone)

Se fai il Kefir di latte segui il mio consiglio..i “germini” non metterli direttamente nel latte..ma chiudili in una garza chiusi con un filo di cotone..altrimenti poi ti voglio a toglierli dal Kefir! (che risulterà denso come lo yogurt..)

Tutti gli alimenti fermentati “vivi” producono benefici a largo raggio nell’organismo..dall’apporto di vitamine del gruppo B ai fermenti lattici che fanno tanto bene all’intestino..sia per l’evacuazione che per ripulire i villi intestinali..riducendo certamente quelle famose “intolleranze” di cui credi di soffrire..

Sono fermentazioni anche il vino e la birra..

..e fanno parte della nostra cultura..anche troppo a volte!..ma a cui è stata snaturata (industrialmente) la loro caratteristica peculiare..l’apporto di vitamine del gruppo B e quindi di Vit.B12..

Sia il vino che la birra se non sono fatti a regola d’arte (quindi o ce li facciamo o costano un patrimonio..) sono prodotti industrialmente in modo da non alterarsi nel tempo e poter essere venduti in momenti diversi..ma decisamente impoveriti dal punto di vista nutrizionale..

Sia il vino che la birra sono pieni di anidride solforosa..che è tossica..checché ne dicano i produttori (a me lascia un “cerchio” alla testa anche se io bevo poco!)..ed è presente anche in alcuni vini bio (per evitare che il vino vada in aceto)

ora ti indicherò alcune aziende che producono vini senza solfiti (anidride solforosa)..seguiranno le birre..

emanuele rolfo

..rinomato produttore nel Roero (CN) di vini di pregiati..

..tra i suoi vini ce ne sono alcuni senza solfiti……………..……..………e direi che il prezzo non è esagerato..

Le Carline..biologici e vegani

..una selezione di vini pregiati veneti..di un’azienda..Le Carline..totalmente Bio!

La birra comune..anche di qualià..è pastorizzata..(e quella molto economica è anche peggio!)

..ma qualche birra artigianale ha la garanzia “non pastorizzata”..in genere queste birre..oltre ad essere più buone..danno un buon apporto di Vit.B12..ma te lo dico..sono molto care..

..di seguito una selezione delle migliori birre artigianali italiane..ovviamente non pastorizzate..

Birrificio Baladin

..la Baladin è un’azienda della zona di Cuneo che ha vinto diversi premi in Italia..e anche quello per la migliore birra straniera ad un importante concorso inglese..ovviamente non è pastorizzata..

Birra Artigianale San Michele

Il San Michele è un birrificio artigianale che produce birre di alta qualità nella provincia torinese..oltre ad essere non pastorizzate sono anche prodotte con acqua di sorgente montana..

Birra Follina

Follina..birrificio artigianale della zona di Treviso..qui io ti propongo una selezione delle sue birre..oltre ad essere non pastorizzate sono anche prodotte con acqua di sorgente montana..

..sembra strano..ma le birre artigianali migliori che si trovano in italia non sono tedesche..anche se quelle tedesche “giuste” dovrebbero essere tutte non pastorizzate per Legge..bah..non certo quelle tanto pubblicizzate..infatti le migliori non vengono manco esportate..se le bevono tutte loro! 😀

Se vuoi..sia il vino che la birra li puoi fare in casa..oddio..se vivi in un monolocale del centro magari sarà difficile..ma non serve comunque né molto spazio..né molta fatica se ne fai per uso familiare..

..come fai gli insalatini o il Kefir..così puoi fare il vino e la birra!

..già sopra ti ho indicato un fermentatore in terra cotta che potrebbe andare bene anche per fare vino e birra..(e anche il sidro!)

..per il vino serve anche un torchietto..

Allora..prima di tutto un libro per fare il vino..e poi uno per fare la birra..

Come fare il vino: Dalla vigna al bicchiere

Come fare il vino: Dalla vigna al bicchiere di [Maristella e Renzo Portalupi]

..questo è per la birra..

È facile fare la birra a casa tua se sai come farlo

È facile fare la birra a casa tua se sai come farlo (eNewton Manuali e Guide) di [George Hummel]

..poi serve l’attrezzatura!

Il metodo che ora ti indico per il vino serve se intendi farne almeno 50lt (una damigiana..)..ma dopo ti indicherò anche un modo per provare a farne pochi litri..

Quindi..prima ti serve una pigiatrice....ma se vuoi puoi anche pigiare con i piedi (o come ti pare..)

..poi ti serve un torchio....(questo è il più piccolo ed economico che si trovi su Amazon)

..e un contenitore largo in legno (tino) o plastica alimentare (quest’ultimo lo puoi trovare dove vendono materiale edile..)..oppure in acciaio..poi una damigiana..o due se vuoi finire la fermentazione in damigiana..(altrimenti puoi usare un fermentatore..ne parlo dopo)

Per darti un’idea..per dimostrarti che fare il vino in casa non è difficile..ti indico velocemente i passaggi..

..prima frantumi l’uva con la pigiatrice (ma se vuoi lo puoi fare con i piedi..o altro..)..poi lasci fermentare il mosto ottenuto in un contenitore in legno o plastica alimentare..il tempo dipende da che vino vuoi fare..è bene togliere i raspi dopo al massimo 48 ore se non vuoi un vino troppo aspro..

..poi torchi il tutto e ne riempi una damigiana (o due piene a metà..considera che durante la fermentazione il mosto aumenta di volume) o un fermentatore in acciaio dove lo lasci fermentare ancora (a questo punto ti serve il libro.... per capire i tempi a seconda del risultato che vuoi ottenere..)

La torchiatura la puoi anche già fare al momento di togliere i raspi..poi non sarebbe male continuare la fermentazione senza ossigeno in un fermentatore come quello che ti servirà se vuoi fare anche la birra..(te lo indico dopo)

..per un uso casalingo non ti serve altro..e come ti ho detto potresti cominciare a provare con un semplice vaso da fermentazione..

..per una piccola quantità la spremitura la puoi fare mettendo l’uva in un canovaccio e poi “torcerlo” come per strizzarlo..in questo caso la fermentazione sarà più lenta perchè togli subito bucce e raspi..(ma se vuoi li puoi riunire dopo)

..un altro metodo che ho visto usare per piccole quantità di prova da un vinificatore professionista..è questo..

..spremi l’uva con il canovaccio (vedi sopra) e il succo (mosto) lo metti in un bottiglione (2 o 5 litri) a cui applichi un tubicino di gomma chiuso ermeticamente al collo del bottiglione stesso (con del mastice o con un tappo forato)..l’altra estremità del tubicino la infili in un contenitore con acqua (non sono importanti le dimensioni)..in questo modo il mosto può fermentare senza incamerare aria..

E ora l’attrezzatura per la birra!

Qui c’è l’imbarazzo della scelta..comincio col proporti un kit economico e di facile uso..

KIT Fermentazione Birra Lusso Coopers con un Malto Lager e la Tappatrice

..mancano solo le bottiglie..in questo caso si parte da un estratto già preparato di malto e luppolo..bisogna solo farlo fermentare..

..ma se ti intriga la cosa e vuoi sperimentare partendo direttamente dagli ingredienti grezzi..allora ti serve qualcosa di più “professionale”..

Hoppy Fermentatore completo da 30 Litri in Acciaio Inox

..questo è il bollitore (fermentatore) per birra (o vino) “professionale” più economico..ma navigando sulla pagina ne potrai trovare molti altri..c’è chi ha cominciato così e adesso è un produttore apprezzato..

..vedi la birra Baladin..che ti ho proposto prima tra le birre artigianali..il titolare..Teo..l’ho conosciuto per caso molto tempo fa..era più “fricchettone” ma innamorato delle sue birre come ora..(te le ripropongo qui)..bisogna dire che sono care..ma è un’esperienza sublime per il palato..e di Vit.B12 ce n’è a palate!

Sai come si faceva la birra originariamente?

..molto tempo fa..quando in casa si faceva il pane..si lasciava da parte un pezzo di impasto..e l’indomani lo si aggiungeva all’acqua lasciandolo fermentare..per l’azione del lievito del pane (lievito madre) e l’aria si produceva una birra super artigianale! (furono poi i monaci ad elaborare la ricetta..avvicinandola sempre di più alla bevanda attuale..)

..che è praticamente il modo in cui si fa il Kvass (detta anche “birra di pane”) la cui preparazione casalinga è spiegata nel libro “Kefir, Kombucha & Co.” che ti ho indicato prima..

Nel tempo queste pratiche semplici e alla portata di tutti..sono state fatte vedere come imprese impossibili per il comune mortale!

..e questo solo per una propaganda che vuole spingerti all’acquisto di prodotti snaturati già preparati e confezionati in fabbrica..come quegli ingenui indigeni africani che furono incantati con collanine colorate per avere in cambio cose preziose..che in questo caso è la tua SALUTE!

Se ti servono informazioni più personalizzate contattami tranquillamente..sono a tua disposizione..(contattami!)